ENGLISH

  • Assisi

    Distanza dalla Tenuta - Km 8

    www.comune.assisi.pg.it

     

    Situata nella parte centro-orientale dell’Umbria, Assisi è adagiata sulle pendici del Monte Subasio da dove domina la pianura solcata dai fiumi Topino e Chiascio, affluenti del Tevere.

    La città, che ha dato i natali a san Francesco e santa Chiara, si è imposta all’attenzione mondiale come centro universale del messaggio francescano di pace e fratellanza.

    Costruita con la tipica “pietra rosata” del Subasio, Assisi vive e fa vivere a tutti i visitatori l’atmosfera di profonda spiritualità dei luoghi che la storia e la fede dei suoi Santi rendono unici nel mondo.

    STORIA

    Agli Umbri, che fondarono Assisi, subentrarono gli Etruschi. Nel I secolo a. C. divenne un importante municipio romano. Nel 545 d.C. venne assalita e distrutta dai Goti di Totila, ai quali subentrarono i Longobardi che la inclusero nei territori del Ducato di Spoleto. Nel XII secolo acquistò i privilegi di libero Comune, ma la sua indipendenza non durò a lungo: l’instabilità politica e militare continuò fino al XVI secolo, quando, dopo varie dominazioni (Papato, Visconti, Braccio Fortebraccio e Francesco Sforza), Assisi entrò a far parte dello Stato Pontificio sotto il cui dominio, salvo la parentesi napoleonica, rimase fino al 1860 con la nascita dello Stato Italiano.

  • Bastia Umbra

    Distanza dalla Tenuta - Km 9

    www.comune.bastia.pg.it

     

    Situata nella parte centrale dell’Umbria, Bastia Umbra è una città dall’aspetto moderno che si stende nella pianura del fiume Chiascio, oggi una fertile campagna dove un tempo c’era probabilmente un lago prosciugato nel VI secolo d.C.

    STORIA

    In epoca romana era nota come Insula Romana, poiché aveva l’aspetto di un’isola circondata dalle acque del “Lacus Umber”, ampio specchio d‘acqua che occupava la Valle Umbra, probabilmente un'area paludosa prosciugata nel VI secolo d.C. Ebbe grande importanza nei secoli XIV-XV, quando come città-fortezza fu contesa a lungo da Perugia e Assisi. Alla fine vinse Perugia, e Bastia divenne feudo della famiglia Baglioni fino all'estinzione del casato (XVII secolo). Alla metà del Seicento passò allo Stato Pontificio che la conservò fino all'unità d'Italia.

  • Bettona

    Distanza dalla Tenuta - Km 6

    www.comune.bettona.pg.it

     

    Situata al centro dell’Umbria, Bettona sorge su una collina nella valle del Chiascio eternamente colorata di verde, dalla quale si gode una splendida veduta delle vicine Perugia, Assisi e Spello.

    Dalla passeggiata che segue il perimetro delle antiche mura è come affacciarsi ad un balcone ed abbracciare con lo sguardo la pianura umbra da un lato e le colline dei Monti Martani dall’altro.

    Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte del club de “I Borghi più Belli d’Italia”.

    STORIA

    Antico centro di origine umbro-etrusca, fu conquistata dai Romani che ne fecero un loro Municipio. Nel XII secolo, dopo le invasioni barbariche, divenne Comune autonomo, ma, nel 1352, dopo un lungo assedio, venne conquistata e distrutta da Perugia. Nel 1367 la Chiesa incaricò il Cardinale Albornoz di ricostruire la città, che per breve tempo entrò a far parte della Chiesa. Subito dopo tornò sotto il dominio di Perugia e dei signori Baglioni. Nel 1648 entrò definitivamente a far parte dello Stato della Chiesa dove rimase fino al 1860.

  • Bevagna

    Distanza dalla Tenuta - Km 5

    www.comune.bevagna.pg.it

     

    Situata nel cuore dell’Umbria, Bevagna è collocata al margine occidentale della piana di Foligno, ai piedi del gruppo collinare dove sorge Montefalco, presso l’ansa del fiume Timia.

    Il colle della Valle Umbra dove sorge la città è circondato da una fertile pianura ricca di acque e coltivata a grano, viti ed olivi.

    Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte del club de “I Borghi più Belli d’Italia”.

    STORIA

    Antico centro umbro, le prime notizie storiche di Bevagna coincidono con la conquista romana dell’Umbria, quando i Romani occuparono la zona e costruirono la Via Flaminia occidentale (220 a.C.) e le strade di collegamento. Nel 90 a.C. divenne un importante municipio romano con il nome di Mevania. Dopo la caduta dell’Impero Romano fu oggetto di varie lotte e di alterne dominazioni di Spoleto, Foligno, dell’Impero Germanico, di Perugia e dello Stato Pontificio. Dal 1439 entrò definitivamente nei domini della Chiesa e vi restò, salvo la parentesi napoleonica, fino alla nascita del Regno d'Italia (1860).

  • Cannara

    Distanza dalla Tenuta - Km 6

    www.comune.cannara.pg.it

     

    Situata nel cuore dell’Umbria, Cannara sorge alla sinistra del fiume Topino, al centro della pianura della Valle Umbra, di fronte ad Assisi e Spello.

    Secondo la tradizione, il nome deriverebbe dalla presenza di abbondanti canneti che anticamente crescevano lungo la zona paludosa del Topino.

    STORIA

    Centro di antiche origini umbre e romane, dopo la caduta dell’Impero Romano e l’invasione dei Longobardi, fu a lungo contesa da Assisi e Perugia. Nel 1352 entrò a far parte del Ducato di Spoleto, e nel 1424 Braccio da Montone la concesse alla famiglia Baglioni di Perugia che la tennero fino al 1684, quando il territorio entrò a far parte dei domini della Chiesa fino alla nascita del Regno d’Italia (1860).

  • Castiglione del Lago

    Distanza dalla Tenuta - Km 75

    www.comune.castiglione-del-lago.pg.it

     

    Situato nella parte nord-occidentale dell’Umbria, Castiglione del Lago è un piccolo centro di origine etrusca collocato su un promontorio collinare sulla sponda occidentale del Lago Trasimeno.

    Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte del club de “I Borghi più Belli d’Italia”.

    STORIA

    Conquistata dagli Etruschi, fu sottoposta alla giurisdizione della vicina Chiusi e conservò per molti secoli il nome di “Castrum Clusii” (castello di Chiusi). Dopo l’epoca romana il territorio fu bonificato e collegato alla Valdichiana. Nel Medioevo divenne borgo potentemente fortificato, furono costruiti il Castello, poi distrutto e ricostruito fino a che Federico II di Svevia (XIII secolo) lo fece abbattere e ricostruire per trasformarlo in una fortezza chiamata ‘Castello del Leone’ da cui l’attuale denominazione del Comune. Dal XVI al XVII secolo fu marchesato e poi ducato dei Della Corgna. Quando, nel XVII secolo, la famiglia dei della Corgna si estinse, Castiglione del Lago passò nei possedimenti della Chiesa fino all’Unità d’Italia (1860).

  • Città di Castello

    Distanza dalla Tenuta - Km 75

    www.cdcnet.net

     

    Situata nel versante nord-occidentale dell’Umbria, Città di Castello si distende lungo l’Alta Valle del Tevere ai confini con la vicina Toscana e non distante dalle Marche.

    Il territorio regala piacevoli sorprese al visitatore: è un’area ricca di storia e di monumenti, con una cultura secolare in un ambiente dove il rispetto della natura è accompagnato ad una vitale realtà industriale.

    STORIA

    Fondata dagli Umbri, divenne municipio romano con il nome di Tifernum Tiberinum. Dopo aver subito diverse dominazioni e dopo essere stata saccheggiata e distrutta dai Goti di Totila (VI secolo d.C.) fu ricostruita e fortificata assumendo prima il nome di Castrum Felicitatis e poi, dal X secolo, quello definitivo di Castrum Castelli. Costituitasi in libero comune nella prima metà del XII secolo, nel Quattrocento fu signoria della famiglia Vitelli. Durante il Medioevo conobbe periodi di indipendenza ed altri di assoggettamento al Papato, a Firenze e a Perugia. Solo nel XVI secolo, con Cesare Borgia, passò definitivamente allo Stato Pontificio, sotto il cui dominio (salvo la parentesi napoleonica) rimase fino alla proclamazione del Regno d’ltalia (1860).

  • Deruta

    Distanza dalla Tenuta - Km 15

    www.comunederuta.gov.it

     

    Situata al centro dell’Umbria, a 15 km da Perugia, Deruta sorge sulle colline che costeggiano la riva sinistra del fiume Tevere e domina un panorama di colli che degradano sui fertili campi della vasta pianura sottostante.

    Città nota per le sue maioliche, aderisce all’Associazione Italiana Città della Ceramica (marchio nazionale “Ceramica Artistica e Tradizionale”).

    STORIA

    Città di antiche origini, nel XII secolo, la conquista del territorio da parte di Perugia trasformò Deruta in una roccaforte di confine e difesa contro Todi ed altri potenziali nemici. Nel XIII secolo aveva un proprio Statuto e poteva governarsi con autonomia da Perugia. Nel XIV e XV secolo fu sconvolta da alterne dominazioni, distruzioni e grandi pestilenze. Il dominio della famiglia perugina dei Baglioni, iniziato nel 1500, favorì la ricostruzione di gran parte di Deruta che poté risorgere nuovamente dalle sue macerie. Nel 1540, durante la "Guerra del sale", si schierò con la Chiesa che vinse la guerra e compensò Deruta con l'esonero dalle tasse per molti anni. Da allora entrò a far parte dello Stato Pontificio fino all’Unità d'Italia. A partire dalla metà del '500 godette di un lungo periodo di pace che coincise con il massimo sviluppo della produzione della maiolica che ha reso famosa Deruta nel mondo.

  • Foligno

    Distanza dalla Tenuta - Km 20

    www.comune.foligno.pg.it

     

    Terza città della regione per numero di abitanti dopo Perugia e Terni, situata nella parte centro-orientale dell'Umbria, Foligno si distende ai piedi dell’Appennino umbro-marchigiano, adagiata nella piana della confluenza dei fiumi Topino e Monotre.

    Il territorio comprende la bella pianura della Valle Umbra, con i dolci rilievi collinari ed i contrafforti della dorsale appenninica.

    STORIA

    Agli Umbri, che fondarono Foligno, seguirono i Romani che ne fecero un loro Municipio e un’importante stazione della Via Flaminia. Distrutta successivamente da invasioni barbariche e riedificata, fu libero comune dall’XI secolo, ma intorno al 1310 passò sotto la signoria dei Trinci (dal 1336 vicari della Chiesa), sotto cui la città si sviluppò notevolmente. Con i Trinci estese il proprio dominio su molte città vicine (Assisi, Spello, Montefalco) e nel XV secolo entrò a far parte dello Stato Pontificio sotto il cui dominio, salvo la parentesi napoleonica, rimase fino al 1860 quando, con la nascita dello Stato Italiano, divenne italiana.

  • Gubbio

    Distanza dalla Tenuta - Km 60

    www.comune.gubbio.pg.it

     

    Posta nella zona nord-orientale dell’Umbria, Gubbio è adagiata sulle pendici del monte Ingino da dove domina una fertile conca pianeggiante. La città dei Ceri (scelti come simbolo della Regione Umbria) è uno dei centri più importanti dell’Umbria ed è meta di un attento turismo d’arte.

    Per la sua secolare tradizione ceramistica aderisce all’Associazione Italiana Città della Ceramica (marchio nazionale “Ceramica Artistica e Tradizionale”).

    STORIA

    Antica città le cui origini risalgono al culmine della civiltà umbra, come testimoniano le Tavole Eugubine (sette tavole bronzee scritte in lingua umbra conservate presso il Museo Civico, nel Palazzo dei Consoli), ebbe dai Romani il nome di Iguvium e poi Eugubium. Distrutta dai Goti (552), ai quali subentrarono prima i Bizantini (592) e poi i Longobardi (772), risorse nell'XI secolo, quando si costituì come libero Comune. Nel XII sec. Gubbio, con la guida spirituale del vescovo Ubaldo vinse una guerra contro Perugia ed altre città vicine. Grazie alla sua florida attività manifatturiera (specializzata in maioliche) raggiunse il massimo splendore nel XIV secolo, periodo in cui si arricchì di monumenti e assunse il caratteristico impianto medievale che ancora oggi la caratterizza. Dal 1384 divenne parte del Ducato di Urbino e con questo passò alla Chiesa nel 1631.

  • Montefalco

    Distanza dalla Tenuta - Km 20

    www.comune.montefalco.pg.it

     

    Situato nell’area centro-orientale dell’Umbria, Montefalco sorge sul vertice di un colle ricoperto di olivi e viti che si erge al centro delle valli del Clitunno, del Topino e del Tevere.

    Per la sua splendida posizione panoramica Montefalco è definita la “Ringhiera dell’Umbria”.

    Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte del club de “I Borghi più Belli d’Italia”.

    STORIA

    Comune importante già al tempo dei Romani per la sua posizione dominante sulla vallata fra Spoleto e Perugia, dall’XI secolo vide fiorire la civiltà comunale e poi quella rinascimentale. Le lunghe lotte con i Comuni vicini tra il XIII e XIV secolo la videro spesso schierarsi con il Papato contro la ghibellina Foligno dei Trinci. La signoria folignate dominò la città per circa 50 anni, finché, nel 1424, Francesco Sforza riuscì a liberarla. La riconquista della libertà produsse l’elaborazione degli Statuti comunali ed una vera “Rinascenza” delle arti e dell’economia. A questo periodo Montefalco deve la connotazione urbanistica del suo centro storico ed il suo sviluppo artistico che, in pieno Rinascimento, toccò i vertici con le opere di Benozzo Gozzoli. Solo nei secoli successivi, dopo aver riacquistato e perduto la propria libertà, nel 1848 ricevette da Papa Pio IX il titolo di “Città”.

  • Orvieto

    Distanza dalla Tenuta - Km 75

    www.comune.orvieto.tr.it

     

    A sud-ovest dell’Umbria, Orvieto è una spettacolare città di origine etrusca che si innalza su un’imponente rupe di tufo a dominio dell’ampia valle del fiume Paglia.

    La città, che dispone di un ricco patrimonio artistico e culturale, porta con sé la magia e la forza di tremila anni di storia visibili nella struttura urbanistica medievale rimasta inalterata nel tempo.

    Per la sua secolare tradizione ceramistica aderisce all’Associazione Italiana Città della Ceramica (marchio nazionale “Ceramica Artistica e Tradizionale”).

    STORIA

    Le origini di Orvieto risalgono alla civiltà etrusca: i primi insediamenti del IX secolo a.C. si localizzarono all’interno delle grotte tufacee ricavate nel massiccio su cui sorge attualmente la città. Le testimonianze archeologiche attestano che la città raggiunse il suo massimo splendore economico ed artistico tra il VI e il IV secolo a.C. Dal 263 a.C. i Romani, pur lasciando istituzioni, riti e lingua degli etruschi, si impadronirono della città, ribattezzandola “Urbs Vetus” (da cui il nome attuale di Orvieto). Dopo la caduta dell'Impero Romano fu conquistata prima dai Goti, poi dai Bizantini e poi dai Longobardi del Ducato di Spoleto. Intorno all'anno Mille conobbe un nuovo sviluppo urbanistico, economico e sociale e ben presto si costituì in libero Comune con un governo che, nel 1157, il Papa Adriano VI riconobbe e legittimò ufficialmente. Nel XII secolo, dopo la vittoria nelle battaglie contro Siena, Viterbo, Perugia e Todi e con l'alleanza di Firenze, estese i propri confini e dominò un territorio che comprendeva vaste zone delle attuali regioni Toscana e Lazio. La potenza e la ricchezza di Orvieto medievale si espressero al massimo grado nel XIII e XIV secolo, come testimoniano gli splendidi edifici ancora oggi orgoglio della città. Dopo un periodo di lotte civili e religiose tra le famiglie patrizie, nel 1354 il cardinale Albornoz riaffermò il controllo della Chiesa sul territorio. Nel 1449 entrò definitivamente a far parte dello Stato della Chiesa per restarvi fino al 1860, nascita del Regno d'Italia.

  • Perugia

    Distanza dalla Tenuta - Km 15

    www.comune.perugia.it

     

    Capoluogo di Regione, Perugia è un’antica città situata nell’area centro-settentrionale dell’Umbria. Il centro storico sorge sugli alti colli che fiancheggiano la riva destra del Tevere.

    Città d’arte tra le più visitate, centro multietnico e multiculturale con due sedi universitarie, Perugia riassume le molteplici caratteristiche della Regione: cultura, arte, storia, religione, artigianato, ambiente ed enogastronomia.

    STORIA

    Città etrusca, fu un florido Municipio romano con il nome di “Augusta Perusia”. Dopo la caduta dell'Impero subì le vicende delle invasioni barbariche e fu distrutta dai Goti di Totila (547 d.C.). Conquistata dai Bizantini, divenne uno dei capisaldi del loro dominio contro l'espansione del Ducato longobardo di Spoleto. Perugia restò bizantina fino all'VIII secolo quando passò sotto il potere ecclesiastico e, quando nell'anno Mille si costituì in libero Comune, restò alleata del Papato. Nel XIV secolo l’amicizia con la Chiesa di Roma si deteriorò irrimediabilmente quando Perugia distrusse Foligno, alleata del Papa: da quel periodo la storia di Perugia è tutto un susseguirsi di lotte intestine, congiure, tradimenti e guerre fino a quando, con Papa Paolo III (1531), il controllo della Chiesa divenne definitivo. Da quel momento Perugia venne di fatto privata di ogni libertà ed autonomia e tutti i tentativi di ribellarsi al potere pontificio vennero puniti con nuove stragi e distruzioni. Nel 1860 fu unita al Regno d'Italia.

  • Spello

    Distanza dalla Tenuta - Km 15

    www.comune.spello.pg.it

     

    Posta nella parte centro-orientale dell’Umbria tra Assisi e Foligno, Spello è adagiata sulla pendice meridionale del monte Subasio da dove si affaccia sulla fertile valle del fiume Topino.

    Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte del club de “I Borghi più Belli d’Italia”.

    STORIA

    Agli Umbri, che secondo molti studiosi fondarono Spello, subentrarono i Romani: con la denominazione della colonia “Julia Hispellum” (circa 41 a.C.) iniziò il suo periodo storico più importante. Dopo la caduta dell'Impero Romano fu distrutta dai Goti di Totila ed entrò a far parte del Ducato Longobardo di Spoleto. Dopo le vicende turbolente dell’Alto Medioevo, nel XII secolo divenne Comune indipendente. Verso la fine del XIV secolo fu sotto i Baglioni di Perugia dove restò fino al 1583, quando, dopo un’epoca di intensa attività artistica in cui la città si arricchì di capolavori rinascimentali del Pintoricchio, il Perugino e l’Alunno, entrò a far parte dello Stato Pontificio sotto il cui dominio, salvo la parentesi napoleonica, rimase fino al 1860.

  • Spoleto

    Distanza dalla Tenuta - Km 50

    www.comunespoleto.gov.it

     

    Situata nell’area sud-orientale dell’Umbria, Spoleto è tra le più affascinanti città d’arte della regione. Per la ricchezza della sua storia, la varietà dei suoi beni culturali e l’importanza dei suoi eventi artistici è tra le mete turistiche più apprezzate dai visitatori.

    STORIA

    Importante centro fortificato degli Umbri, fu colonia romana e poi municipio (90 a.C.). Dopo la caduta dell'Impero Romano fu presidiata prima da Teodorico, re dei Visigoti, e poi da bizantino Belisario. Espugnata da Totila fu riedificata dal bizantino Narsete. Nel periodo altomedievale fu capitale del Ducato longobardo. Nel 1155 fu conquistata e distrutta da Federico Barbarossa, e dopo una serie di lotte tra guelfi ghibellini fu riconquistata dal Cardinale Albornoz che la assicurò alla Chiesa e ne fece un importante centro dello Stato Pontificio. Il governo del Papato, salvo la parentesi napoleonica, durò fino a quando Spoleto si unì al nuovo Stato Italiano.

  • Todi

    Distanza dalla Tenuta - Km 40

    www.comune.todi.pg.it

     

    Situata nella parte centro-meridionale dell’Umbria, Todi è una splendida città d’arte che sorge sull’alto di un colle dal quale domina la Media Valle del Tevere.

    Per la ricchezza del suo patrimonio storico, artistico ed architettonico è una delle mete turistiche più apprezzate della regione.

    STORIA

    Di probabile origine umbra, fu una delle città a contatto con la civiltà etrusca che prosperava sulla riva destra del Tevere e di cui fu fiorente centro tra il V e IV secolo a.C. In epoca romana fu colonia e municipio. Grazie alla sua posizione arroccata e al suo solido sistema difensivo non dovette subire le distruzioni delle invasioni barbariche e potè continuare a vivere in relativa tranquillità anche durante le turbolenze dell'Alto Medioevo. Nel XII secolo divenne libero Comune, inaugurando un periodo molto fortunato, nel quale la città si arricchì di pregevoli monumenti. La sua indipendenza non durò a lungo a causa delle continue lotte contro Spoleto, Orvieto e Narni. Nel 1230 nacque a Todi il poeta religioso più rappresentativo del XIII secolo: Jacopo Benedetti noto come Jacopone da Todi. L'instabilità politica e militare continuò fino al XVI secolo, quando, dopo varie dominazioni, entrò a far parte dello Stato Pontificio sotto il cui dominio, salvo la parentesi napoleonica, rimase fino al 1860.

  • Torgiano

    Distanza dalla Tenuta - Km 10

    www.comune.torgiano.pg.it

     

    Situato nel cuore dell’Umbria, Torgiano è un antico borgo medievale fortificato posto sulla confluenza del Tevere con il Chiascio in mezzo a colline sinuose tappezzate di vigneti ed uliveti. Centro vinicolo di fama internazionale, nel 1968, tra i primi in Italia, il vino di Torgiano ha ottenuto la Denominazione di Origine Controllata.

    Immerso in una cornice paesaggistica suggestiva, ricca di suggestioni naturalistiche, di storia, arte e cultura, ha saputo fondere la memoria storica del passato con una moderna vocazione all’ospitalità.

    STORIA

    Il territorio era abitato in epoca romana, come attestano i ritrovamenti archeologici della zona (resti di una villa, epigrafi). In seguito fu occupato dai Goti e dai Longobardi. Nel XIII secolo fu eretto il castello e Torgiano entrò a far parte dei domini del Comune di Perugia, città di cui seguì le vicende. Con la sconfitta di Perugia nella "Guerra del Sale" (1540), divenne territorio dello Stato della Chiesa e vi rimase, salvo il periodo dell'occupazione francese (1798), fino al 1860 quando si unì al Regno d'Italia.

  • Trevi

    Distanza dalla Tenuta - Km 35

    www.comune.trevi.pg.it

     

    Situata nella parte centro-orientale dell’Umbria tra Foligno e Spoleto, Trevi si erge sui pendii del monte Serano, arroccata su un colle ricco di uliveti rivolto verso la piana di Spoleto.

    Chiese, torri e palazzi disegnano il profilo nobile di questo centro che dai suoi 412 metri di altezza offre uno spettacolo mozzafiato sulla via Flaminia.

    Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte del club de “I Borghi più Belli d’Italia”.

    STORIA

    Fondata dai Romani, fu un importante centro lungo la via Flaminia. Alla caduta dell’Impero Trevi, già divenuta cristiana per opera del suo vescovo Emiliano, venne occupata dai Longobardi ed inclusa nel Ducato di Spoleto. Durante il Medioevo fu assoggettata a Foligno ed a Spoleto. L’instabilità politica e militare continuò fino al XVI secolo quando, dopo varie dominazioni (Trinci, Michelotti, Sforza) entrò a far parte dello Stato Pontificio sotto il cui dominio, salvo la parentesi napoleonica, rimase fino al 1860.

© 2013 Tenuta del Perugino ∙ P.I. 02676090547 ∙

Credits

Trip Advisor

Certificato d'eccellenza 2014